IL PD8 SAN SALVARIO SOSTIENE L’OSPEDALE VALDESE
IL PD8 SAN SALVARIO E’ SOCIO DELLA BANCA ETICA
IL PD8 SAN SALVARIO SOSTIENE UNA MIGLIORE VIVIBILITA’ DEL QUARTIERE
IL PD8 SAN SALVARIO PROMUOVE LA RETE SAN SALVARIO SOLIDALE
Se volete comunicare con noi scrivete all’indirizzo dicolamia@pd8.it

 

Carissime e carissimi,
Vi segnalo l’ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI DEL PD (aperta a chiunque abbia voglia di partecipare) che si svolgerà LUNEDI’ 20 MAGGIO ALLE ORE 20.45 c/o il Circolo PD8 San Salvario di Via Ormea 6 bis. Discuteremo insieme della situazione politica attuale del perché è fondamentale che il Governo Letta riesca a portare avanti le misure necessarie annunciate sia per il bene del Paese che del futuro del nostro Partito.

 

Mi fa molto piacere segnalarvi la FESTA PROVINCIALE DELL‘ANPI che quest’anno grazie al bellissimo lavoro fatto dal nostro RAFFAELE SCASSELLATI  si svolgerà al Circolo Garibaldi di Via GIuria 56 da stasera a domenica (in allegato la locandina).

 

Aggiornamento sull’Ospedale Valdese

 

Purtroppo l’assessore alla sanità regionale, Ugo Cavallera, ha definitivamente chiuso la questione dell’Ospedale Valdese confermando la chiusura del 30 giugno prossimo.
Mi segnalano anche la seguente vicenda: alcune persone si sono recate all’Ospedale Valdese per fare un prelievo di sangue. Dopo averlo fatto si sono le stesse persone si sono recate a ritirare l’esito degli esami in Via Pellico 28 e gli è stato risposto che sarebbero dovuti andare all’Oftalmico per ricevere il risultato delle loro analisi.
Questo è solo uno degli infiniti disservizi che la riforma sanitaria ha dimostrato negli ultimi mesi. A pagarne le conseguenze sono i cittadini e le cittadine che però non hanno nessuna responsabilità della miopia dimostrata dalla regione nel voler chiudere ostinatamente un ospedale come quello Valdese che funzionava come pochi in Piemonte da tutti i punti di vista.
Non è tutto purtroppo. Il Partito Democratico aveva previsto che l’Ospedale Valdese sarebbe stato chiuso per essere inserito nel fondo immobiliare che la regione stessa ha costituito e così è stato. Leggete in allegato la delibera dell’ASL TO 1 dove il Valdese insieme ad  altre strutture fra gli immobili non più utili e quindi da dismettere (allegato 1).

 

A questo proposito convochiamo una ASSEMBLEA URGENTE per MERCOLEDI’ 22 MAGGIO ALLE 21 c/o IL CIRCOLO GARIBALDI (Via Giuria 56) 
L’assemblea è aperta a tutti i comitati che in questi due anni hanno difeso il Valdese, a tutte le animatrici della campagna METTIAMOCI LE TETTE, ai cittadini e alle cittadine di Torino che sono state vicine all’ospedale in questi mesi e che hanno la VOLONTA’ DI NON ACCETTARE UNA SCELTA SENZA SENSO CHE PENALIZZA LA Sanità PUBBLICA E DI CONSEGUENZA TUTTI I CITTADINI E LE CITTADINE.
L’invito è esteso, infine, alle centinaia di persone che stanno firmando in questi giorni il ricorso al Tar portato avanti con tenacia da un gruppo di donne. Parleremo anche di questo durante l’assemblea ma soprattutto DECIDEREMO INSIEME COSA FARE PER MANIFESTARE IN MODO RADICALE IL NOSTRO DISSENSO RISPETTO A QUESTA SCELTA DEFINITIVA.

 

Qui di seguito i comunicati del Consigliere regionale PD Nino Boeti (allegato 2) e dei Consiglieri comunali PD Lucia Centillo e Michele Paolino.

 

RETE OSPEDALIERA, CAVALLERA CONFERMA I TAGLI DI MONFERINO, A PARTIRE DAL VALDESE.
UNA POLITICA PER NOI INACCETTABILE. UNA DICHIARAZIONE DI NINO BOETI

Prima tante promesse di ridiscussione delle scelte sanitarie non solo allʼinterno del Consiglio regionale, ma anche allʼesterno, con enti locali, associazioni, operatori sanitari, cittadini. Alla fine gli impegni del neoassessore Cavallera si sono rivelati per quello che erano: semplici affermazioni verbali prive di una prospettiva concreta. Spiegando oggi in Commissione le decisioni sulla rete ospedaliera, Cavallera ha di fatto confermato le scelte fatte dallʼassessore Monferino. A cominciare dal Valdese, che chiuderà secondo i tempi fissati. Confermate anche le chiusure di Pomaretto e Torre Pellice, un intero territorio resterà senza un post letto per la postacuzie. A nulla è servito lʼincontro con il pastore valdese e gli impegni previsti dalla legge regionale a concordare con la Tavola ogni nuovo sviluppo nellʼutilizzo delle strutture sanitarie un tempo proprietà dei valdesi. Tagliata anche lʼostetricia di Carmagnola. Dunque, ancora tagli senza considerare le richieste dei cittadini e degli enti locali. Sulle emodinamiche, a causa anche dei contrasti interni al Pdl, Cavallera ha preso tempo, nominando una commissione di esperti che dovrà dare un parere sul da farsi. Anche se non è difficile immaginare che alla fine i tagli procederanno come previsto. Eʼ evidente a tutti che, fallita la riforma della sanità, come dimostra la vicina chiusura delle Federazioni sanitarie, unica vera novità di Monferino, emersi i gravi problemi di bilancio, segno dellʼincapacità della Giunta a mettere mano a una nuova gestione delle risorse, la politica sanitaria di Cota e Cavallerarimane la stessa: tagliare, tagliare e ancora tagliare. Una politica per noi inaccettabile.

Gruppo Consiliare Partito Democratico ComuneTorino

 

Città di Torino Gruppo Consiliare Partito Democratico Piazza Palazzo di Città, 1 10122 TORINO Tel. 011 442 3829 Fax. 011 442 3108 Cell. 338 4474976 Email: comunicazione.gruppopd@comune.torino.it

CHIUSURA DELL’OSPEDALE VALDESE. LA REPLICA DEL GRUPPO PD DELLA CITTA’ DI TORINO

A seguito della discussione sulla rete ospedaliera, svoltasi oggi in Commissione Sanità in Regione, chiediamo venga convocato con urgenza il Tavolo Regionale sull’Ospedale Valdese, impegno assunto dal neoassessore alla Sanità Ugo Cavallera.

Mentre sono ancora in corso ingenti investimenti in ristrutturazioni, la chiusura dell’Ospedale Valdese e la scarsa chiarezza sui trasferimenti di alcune attività e sul mantenimento dei volumi di prestazione nella rete pubblica sono scelte politiche che ricadono sulla cittadinanza, che ne paga i costi in termini economici e di allungamento delle liste di attesa.

Chiediamo al Sindaco Piero Fassino di intervenire nuovamente a tutela del Presidio, e proponiamo di valutare la possibilità di concentrare all’interno dell’Ospedale Valdese attività e servizi, che permettano di trasformarlo sul Modello della Casa della Salute.

Lucia Centillo

– Presidente Commissione Sanità Città di TorinoMichele Paolino

– Vice Capogruppo Pd Città di Torino

Un abbraccio,
Francesco Mele, Segretario PD8 San Salvario.